Come avviene la clonazione di bancomat e carte di credito

 

 

Consigli utili per chi utilizza gli apparecchi Bancomat

 

I truffatori sono sempre più ingegnosi, quando si tratta di riuscire ad accedere ai dati delle carte e ai numeri segreti.

Ultimamente i casi di ‘Skimming’ presso gli sportelli automatici hanno registrato un notevole aumento, sia a livello nazionale che a livello internazionale.

 

La cattura dei dati avviene inavvertitamente durante il prelevamento di contanti agli sportelli automatici.

I professionisti montano uno “skimmer”, ovvero una specie di finta fessura per l’inserimento della carta, sopra a quella effettiva. Quest’ultimo contiene un ulteriore lettore di banda magnetica per copiare i dati memorizzati sulla carta. Una minuscola telecamera, montata in modo da passare inosservata sullo sportello bancomat, registra l’introduzione del PIN e la trasmette al

truffatore.

Il truffato di norma non si accorge di nulla e non nutre alcun sospetto, dal momento che porta a termine la transazione senza problemi.

 

In maniera analoga si cerca di accedere ai dati dei PIN mediante l’accesso alle porte di sportelli bancomat: per accedere ai locali solitamente basta infatti l’inserimento della carta per fare aprire la porta di uno sportello bancomat, non serve digitare il PIN.

 

In ogni caso è opportuno mantenere un buon livello di prudenza, soprattutto durante il fine settimana.

Se dovesse accorgersi di inusuali dispositivi, fogli, volantini o residui di colla o mastice sugli sportelli bancomat, contatti immediatamente le Autorità.

 

Ogni sospetto di manipolazione dovrebbe essere segnalato tempestivamente!

È meglio rischiare una segnalazione inutile, piuttosto che tralasciarla!

 

L’attenzione ovviamente è richiesta per l’utilizzo di tutti i bancomat, sia in Italia che all’Estero.

Ecco in breve alcune indicazioni di come poter ridurre il rischio:

 

·        Controllare se l’apparecchio Bancomat riporta strani dispositivi o manomissioni (per esempio: pezzi in plastica aggiuntivi di colore diverso, porta-depliant, ecc. );

 

·        Coprire la mano, con la quale inserisce il Suo codice segreto (PIN);

 

·        Prestare particolare attenzione nei confronti di persone estranee in prossimità degli sportelli bancomat che La contattano e Le offrono il loro aiuto;

 

·        Evitare di consegnare la carta per effettuare i pagamenti POS, è consigliabile consegnarla soltanto alla cassa, dove è possibile mantenerla sotto controllo;

 

·        Controllare periodicamente le transazioni sull’estratto conto. A tale scopo potrà utilizzare i servizi gratuiti e online di ISI-net e ISI-phone;

 

·        Essere sempre aggiornati sui limiti di prelevamento e pagamento della propria carta.

 

 

 

Come potrebbe avvenire la truffa sull’apparecchio Bancomat?

 

Con le seguenti immagini si vuole dimostrare come possono essere manipolati gli apparecchi Bancomat permettendo al truffatore di accedere ai dati della carta e ai codici personali.

Scaricare il pdf e controllarlo ATTENTAMENTE a questo url:

https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=4&ved=0CDUQFjAD&url=https%3A%2F%2Fwww.caribz.it%2Fcontent%2Fdownload%2F1040%2F8359%2Fversion%2F4%2Ffile%2FSkimming_it.pdf&ei=-K-oULbDBcn0sgay7YDwDA&usg=AFQjCNEy8IBxVTi9Otg6CXlbnH9mf8W9tw&cad=rja

Cos’è un „Lebanese Loop“?

 

Si tratta di un’ulteriore forma di „furto di carta“. Scopo del meno diffuso „Lebanese Loop“ è quello di impossessarsi della carta originale.

Per riuscirci viene montato sull’apparecchio bancomat un supporto che blocca la carta e la trattiene. 

Per ottenere il PIN invece, vengono utilizzate delle telecamere nascoste, come nello skimming o altri metodi di distrazione.

In questo contesto si segnalano anche truffatori particolarmente scaltri che affiancano il cliente con atteggiamenti confortanti, offrendo i propri consigli e accedendo così al PIN.

Non appena il cliente si allontana, il supporto montato viene allontanato e la carta prelevata.

 

Facciamo quindi attenzione e teniamo gli occhi bene aperti!

 

Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...