Prevenire i furti di notebook

 

Sul nostro notebook, soprattutto se utilizzato per lavoro, solitamente conserviamo di tutto: dai documenti personali sino alla tesi di laurea.

Per non parlare di tutti i dati sensibili.

Onde prevenire i furti e rendere la vita infernale ai ladri, un gruppo di ricercatori dell’Università di Washington, assieme ad alcuni colleghi dei campus della California, hanno sviluppato un software chiamato "Adeona", pensato apposta per rintracciare il proprio computer.

Questo programma che prende il nome dalla dea romana protettrice dei bambini che smarriscono la via di casa ed è il primo nel suo genere.

La prima cosa interessante è che viene fornito gratuitamente e sotto una licenza GPL, per cui è completamente open source.

Come dichiarano dalla home page del progetto i suoi creatori, i punti di forza di Adeona sono tre: rispetto della privacy, affidabilità e, appunto, la sua natura open source.

Come funziona. Una volta scaricato ed installato, il funzionamento di Adeona è semplice: il programma, eseguito in background, registra l’indirizzo IP attraverso cui la macchina è collegata alla rete.

L’indirizzo poi viene poi crittografato e inviato a un sistema distribuito, pronto ad essere recuperato in caso di necessità: a differenza dei suoi predecessori, forniti a pagamento da aziende specializzate, Adeona non prevede l’invio dei propri dati ad un server centrale privato.

Grazie all’indirizzo IP, è possibile rintracciare geograficamente il luogo da cui il nostro pc ha avuto accesso alla rete, ed andare a recuperarlo.

Quest’ultimo passaggio tuttavia, come consigliano gli stessi programmatori, è meglio lasciarlo fare alle forze dell’ordine, evitando di vestire i panni dei super eroi.

Come usare Adeona.

Per utilizzare Adeona, non dovete far altro che fare clic qui e scaricarlo (pesa circa 2 Mb) e, naturalmente, installarlo.

Il software è disponibile per i sistemi operativi Windows Vista e Xp, Mac OS X e Linux.

Una volta installato, il software chiede all’utente di scegliere una password, che servirà per criptare e decriptare i dati.

Nella malaugurata ipotesi che qualcuno si appropriasse del pc, basterà così installare Adeona su un’altra macchina ed utilizzare la propria password per reperire i dati che ci servono.

Inoltre nella versione per i sistemi Apple, è anche prevista un’opzione aggiuntiva: si può impostare il programma affinchè scatti con regolarità una foto con la webcam integrata, che immortalerà il malvivente responsabile del furto.

 

Questa voce è stata pubblicata in Trucchi e Consigli per il Pc. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...